Dal 1300 a oggi 26 Anni Santi ordinari e 90 straordinari

L’Anno Santo straordinario della Misericordia, annunciato il 13 marzo, nel secondo anniversario dell’elezione di Bergoglio al papato, si aprirà nella prossima solennità dell’Immacolata Concezione (nel 50° anniversario della Chiusura del concilio Vaticano II), e si concluderà il 20 novembre 2016 (domenica di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo).  Già da vescovo, Jorge Mario Bergoglio aveva scelto come motto Miserando atque eligendo. All’inizio del 2015 il Papa aveva sottolineato che questo è il tempo della misericordia. E’ importante che i fedeli laici la vivano e la portino nel diversi ambienti sociali! Papa Francesco vuole una Chiesa isola di misericordia nella cornice di un tempo di riconciliazione. Il primo Anno Santo risale a 7 secoli or sono, nel 1300 con Bonifacio VIII. I Giubilei ordinari sono legati a scadenze prestabilite ogni 25 anni (ne sono stati celebrati 26). I secondi sono una novantina e sono stati indetti in occasione di avvenimenti particolari, per ottenere un aiuto divino in momenti difficili  della Chiesa o in occasioni solenni, a partire dal XVI secolo. Sono giubilei straordinari – anche se vengono assimilati ai 26 ordinari – quello del 1933 indetto da Pio XI per il XIX centenario della redenzione, a quello del 1983 indetto da Giovanni Paolo II per i 1950 anni della redenzione. Due Anni Santi della redenzione, che hanno avuto valore universale, sono durati un intero anno e sono stati accompagnati dall’apertura delle Porte Sante. Assente nella storia del cristianesimo per più di un millennio, l’istituto giubilare al suo sorgere nella vita della Chiesa appare già sostenuto da una dottrina delle indulgenze, eleborata sopra alcune prassi penitenziali più antiche, alla quale attinge anche per dare senso alla fatica del pellegrinaggio o di altre pratiche penitenziali che sacralizza o regolamenta. All’immacolata di quest’anno si aprirà un tempo di grazia che si prefigura già come una nuova tappa del cammino della Chiesa nella sua missione di portare ad ogni persona il Vangelo della misericordia.

[Fonte: Articolo tratto dal giornale di Maggio 2015 di Frate Indovino]