PACCHETTI ALL INCLUSIVE

PREVENTIVI PERSONALIZZATI PER VISTI TURISTICI PER IL GIUBILEO.


Contattaci al N° 010.74.5.413 oppure via mail a info@progettoicare.com

Da oggi ai classici pacchetti all inclusive si aggiunge una novità: il pacchetto per i turisti senior! Se devi fare un invito ad un parente o ad un amico  che ha più di 74 anni, noi abbiamo creato un offerta dedicata e scontata, garantendo la copertura assicurativa anche a chi ha più di 74 anni!

Scopri tutti i dettagli scorrendo le offerte All Inclusive. Vi ricordiamo inoltre che il nostro ufficio è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 17:30.

Pacchetti ALL INCLUSIVE

Service Pack 1 – Permanenza in Italia per  Turismo per 15 gg

Il pacchetto comprende :

Compilazione della Lettera di invito
Compilazione della Dichiarazione di Ospitalità e Garanzia
Polizza Sanitaria ( Obbligatoria  per legge )
Fidejussione Turismo 15 gg
Spese di Spedizione della Pratica tramite Corriere Espresso

COSTO TOTALE

€ 295.00

COSTO SERVICE PACK
TURISMO per 15 gg

€ 265,50

 

 

Service Pack 2 – Permanenza in Italia per  Turismo per 30 gg

Il pacchetto comprende :

Compilazione della Lettera di invito
Compilazione della Dichiarazione di Ospitalità e Garanzia
Polizza Sanitaria ( Obbligatoria  per legge )
Fidejussione Turismo 30 gg
Spese di Spedizione della Pratica tramite Corriere Espresso

COSTO TOTALE

€ 310.00

COSTO SERVICE PACK
TURISMO per 30 gg

€ 279,00

 

Service Pack 3 – Permanenza in Italia per Turismo per 60 gg

Il pacchetto comprende :

Compilazione della Lettera di invito
Compilazione della Dichiarazione di Ospitalità e Garanzia
Polizza Sanitaria ( Obbligatoria  per legge )
Fidejussione Turismo 60 gg
Spese di Spedizione della Pratica tramite Corriere Espresso

COSTO TOTALE

€ 340,00

COSTO SERVICE PACK
TURISMO per 60 gg

€ 306,00

 

Service Pack 4 –Permanenza in Italia per  Turismo per 90 gg

Il pacchetto comprende :

Compilazione della Lettera di invito
Compilazione della Dichiarazione di Ospitalità e Garanzia
Polizza Sanitaria ( Obbligatoria  per legge )
Fidejussione Turismo 90 gg
Spese di Spedizione della Pratica tramite Corriere Espresso

COSTO TOTALE

€ 390.00

COSTO SERVICE PACK
TURISMO per 90 gg

€ 351,00

 

Service Pack 5 –Permanenza in Italia per  Turisti Senior

(oltre i 74 anni) da 15 gg a 90 gg

Il pacchetto comprende :

Compilazione della Lettera di invito
Compilazione della Dichiarazione di Ospitalità e Garanzia
Polizza Sanitaria ( Obbligatoria  per legge )
Fidejussione Turismo da 15 gg a 90 gg
Spese di Spedizione della Pratica tramite Corriere Espresso

COSTO TOTALE

€ 570.00

COSTO SERVICE PACK
TURISMO da 15 gg a 90 gg

€ 520,00

FERIE ESTIVE

Da Lunedì 24 Agosto a Venerdi 4 Settembre,

Le pratiche verranno accettate fino a Lunedì 17 Agosto 2015

Gli uffici riapriranno regolarmente da Lunedì 7 Settembre

GIUBILEO 2015-2016

#‎Giubileo‬ della ‪#‎Misericordia‬ : sono attesi a Roma 25.000.000 di Pellegrini con una media di 2 .000.000 al mese, prenota il tuo ‪#‎visto‬#‪#‎turistico‬ !!!!

 

Jubilee of Mercy are expected in Rome 25,000,000 pilgrims with an average of 2 .000.000 month, book your tourist visa with us  ! !!!

 

Jubilee

The Holy Year of Mercy will end November 20, 2016, proclaimed by Pope Francis, who from the beginning of his pontificate, had emphasized that this is the time of Mercy.
The first Holy Year was proclaimed in 1300 by Pope Boniface VIII, the ordinary Jubilees have predetermined frequency (every 25 years) while the Extraordinary were ninety in all, including that of 1933 proclaimed by Pius XI for the XIX centenary of Redemption and that of 1983 proclaimed by John Paul II

Dal 1300 a oggi 26 Anni Santi ordinari e 90 straordinari

L’Anno Santo straordinario della Misericordia, annunciato il 13 marzo, nel secondo anniversario dell’elezione di Bergoglio al papato, si aprirà nella prossima solennità dell’Immacolata Concezione (nel 50° anniversario della Chiusura del concilio Vaticano II), e si concluderà il 20 novembre 2016 (domenica di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo).  Già da vescovo, Jorge Mario Bergoglio aveva scelto come motto Miserando atque eligendo. All’inizio del 2015 il Papa aveva sottolineato che questo è il tempo della misericordia. E’ importante che i fedeli laici la vivano e la portino nel diversi ambienti sociali! Papa Francesco vuole una Chiesa isola di misericordia nella cornice di un tempo di riconciliazione. Il primo Anno Santo risale a 7 secoli or sono, nel 1300 con Bonifacio VIII. I Giubilei ordinari sono legati a scadenze prestabilite ogni 25 anni (ne sono stati celebrati 26). I secondi sono una novantina e sono stati indetti in occasione di avvenimenti particolari, per ottenere un aiuto divino in momenti difficili  della Chiesa o in occasioni solenni, a partire dal XVI secolo. Sono giubilei straordinari – anche se vengono assimilati ai 26 ordinari – quello del 1933 indetto da Pio XI per il XIX centenario della redenzione, a quello del 1983 indetto da Giovanni Paolo II per i 1950 anni della redenzione. Due Anni Santi della redenzione, che hanno avuto valore universale, sono durati un intero anno e sono stati accompagnati dall’apertura delle Porte Sante. Assente nella storia del cristianesimo per più di un millennio, l’istituto giubilare al suo sorgere nella vita della Chiesa appare già sostenuto da una dottrina delle indulgenze, eleborata sopra alcune prassi penitenziali più antiche, alla quale attinge anche per dare senso alla fatica del pellegrinaggio o di altre pratiche penitenziali che sacralizza o regolamenta. All’immacolata di quest’anno si aprirà un tempo di grazia che si prefigura già come una nuova tappa del cammino della Chiesa nella sua missione di portare ad ogni persona il Vangelo della misericordia.

[Fonte: Articolo tratto dal giornale di Maggio 2015 di Frate Indovino]

PROMOZIONE PER GRUPPI PER EXPO’ 2015

PREVENTIVI PERSONALIZZATI PER GRUPPI CHE NECESSITANO DEL VISTO

Contattaci al N° 010.74.5.413 oppure via mail a info@progettoicare.com

PAUSA NATALIZIA

 

Si avvisa la spettabile clientela che i nostri uffici seguiranno i seguenti orari 

Martedì 24 Dicembre   8.30 > 12.30

Venerdì 27 Dicembre  chiuso

Lunedì 30 Dicembre   8.30 >13  e  14.00 >17.30

Martedì 31 Dicembre  chiuso

Giovedì 2 Gennaio 8.30 >13  e  14.00 >17.30

Venerdì 3 Gennaio 8.30 >13  e  14.00 >17.30

 

I nostri migliori auguri di Buone Feste e Felice Anno Nuovo 

Progettoicare.com

 

Come dare ospitalità ad un cittadino straniero. La dichiarazione di ospitalità

La dichiarazione o comunicazione di ospitalità è un documento che deve essere compilato in favore di un cittadino extracomunitario che si vuole ospitare a qualsiasi titolo all’interno di un alloggio di proprietà o in affitto, a prescindere dal tempo di permanenza del cittadino straniero.

In  sintesi, sono obbligati a rendere dichiarazione di ospitalità:

  • tutti coloro che ospitano in casa propria cittadini stranieri o apolidi, anche nel caso in cui si tratti di parenti;
  • tutti coloro che intendono cedere a stranieri o apolidi la proprietà di un fabbricato o parte di esso, situato sul territorio italiano;
  • tutti i cittadini stranieri residenti che ospitano altri stranieri;
  • tutti coloro che assumono lavoratori stranieri dipendenti

dichiarazione di ospitalità per stranieri

La dichiarazione di ospitalità deve essere presentata da colui che ospita, una per ogni persona ospitata, accompagnata dalla copia del contratto di affitto (eventuale), il documento di identità del dichiarante e i documenti di tutte le persone ospitate.

La dichiarazione va presentata entro le 48 ore successive a quando si comincia ad ospitare il cittadino straniero.

Noi possiamo aiutarti a compilare la dichiarazione di ospitalità, contattaci anche solo per chiedere informazioni.

fonti: stu2.globogis.itmeltingpot.org

Studiare in Italia. Il permesso di soggiorno per studio è valido per tutta la durata del corso

Gli studenti stranieri che vogliono frequentare un corso di studi nelle Università italiane, non devono più rinnovare ogni anno il loro permesso di soggiorno per studio, perché sarà valido per l’intera durata del loro corso di studi o corso di formazione.

La novità è contenuta in un decreto legge approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso agosto con la precisa ambizione di facilitare e incrementare l’ingresso in Italia di studenti stranieri, che attualmente rappresentano il 4% dell’intera popolazione studentesca negli atenei italiani, solo la metà della media degli altri paesi europei.

Per il rinnovo resta valida, però, la verifica del profitto. Non saranno rinnovati quei permessi di soggiorno per studio i cui titolari non abbiano sostenuto e superato almeno un esame all’anno.

pemesso di soggiorno per studio stranieri

Vi ricordiamo che il rilascio del permesso di soggiorno per studio deve essere chiesto da tutti i cittadini extracomunitari, non UE, che entrano in Italia con un visto per studio della durata di più di 90 giorni, entro 8 giorni dal loro ingresso nel nostro Paese.

La richiesta va inoltrata alla Questura utilizzando un apposito kit postale, da prendere in posta e poi rispedire, al quale vanno allegati i seguenti documenti:

- la fotocopia dell’intero passaporto
- fotocopia della certificazione del corso di studi da seguire, vidimata dall’Ambasciata Italiana
- fotocopia della polizza assicurativa e antinfortunistica

Dopo l’invio della domanda il cittadino straniero verrà convocato dalla Questura per le foto e per il ritiro del permesso.

Noi possiamo aiutarti con il visto d’ingresso per studio, con la polizza assicurativa e con il permesso di soggiorno per studio, contattaci anche solo per chiedere informazioni.

fonte: stranieriinitalia.itprogrammaintegra.it

Permesso di soggiorno elettronico. Cosa cambia?

Immigrazione fa rima con innovazione?
Questo almeno pensa il Ministero dell’Interno che ha recentemente pubblicato in Gazzetta Ufficiale un decreto che introduce alcune novità tecnologiche sul permesso di soggiorno elettronico, quello già posseduto dalla maggior parte dei cittadini stranieri in Italia.

Il nuovo permesso di soggiorno elettronico sarà del tutto simile a quello attuale, vale a dire plastificato e delle dimensioni di una carta di credito, ma conterrà molte più informazioni sul suo possessore e avrà un microchip che garantirà la sicurezza del documento.

Sul nuovo permesso verranno registrati tutti i dati personali del titolare, le informazioni identificative del documento, i dati biometrici primari, come la foto, e i dati biometrici secondari, come le impronte digitali.

nuovo permesso di soggiorno elettronico

Tutti i dati relativi al nuovo permesso di soggiorno saranno registrati e conservati presso il Centro Elettronico Nazionale, all’interno dell’archivio informatizzato, per la durata del permesso, se si tratta di un CE di lungo periodo, e per un periodo non superiore ai dieci anni, per tutte le altre tipologie di permesso.

Grazie all’introduzione del microchip a radiofrequenza, numerose procedure potranno essere facilitate e sveltite, come ad esempio, un controllo di Polizia, dato che il chip potrà essere letto avvicinandolo ad un lettore.

Le novità sul permesso di soggiorno elettronico sono istituite allo scopo di rendere il permesso di soggiorno in uso in Italia, sempre più in linea con quello che circola in ambito comunitario.

Noi possiamo aiutarti ad avere il permesso di soggiorno, rinnovarlo o convertirlo, contattaci anche solo per chiedere informazioni.

fonti: stranieriinitalia.itcinformi.it

Lavoratori stranieri. Come chiedere il ricongiungimento familiare e come dimostrare il reddito

Lo straniero che vive e lavora in Italia con regolare permesso di soggiorno per motivi di lavoro può chiedere fare richiesta di ricongiungimento familiare, una procedura che consente ad uno o più familiari dello straniero di entrare in Italia con un permesso di soggiorno specifico e di “ricongiungersi”, appunto, con il familiare che ne ha fatto richiesta.

Uno dei requisiti fondamentali per ottenere il ricongiungimento è dimostrare di avere un reddito lordo annuo sufficiente e proveniente da fonti lecite; la soglia minima corrisponde all’importo annuo dell’assegno sociale addizionato della sua metà per ogni familiare che si intende ricongiungere.

come fare il ricongiungimento familiare

Per il lavoratore subordinato è molto semplice dimostrare di percepire un reddito annuo e il suo ammontare, presentando la dichiarazione dei redditi, l’ultima busta paga e una copia del contratto di lavoro.

Il lavoratore autonomo, ad esempio titolare di una ditta individuale, al fine di dimostrare il proprio reddito deve presentare allo Sportello Unico per l’immigrazione questi documenti:

  • il certificato di iscrizione alla Camera di Commercio
  • il certificato di attribuzione Partita Iva
  • il Modello Unico Persone Fisiche dell’anno precedente
  • la relazione stesa da un Commercialista iscritto all’albo, riguardante l’intero periodo di attività della ditta e la copia del tesserino di quest’ultimo
  • nel caso l’attività svolta la richieda, la licenza comunale

Se il lavoratore straniero non riesce a raggiungere la soglia minima di reddito può chiedere che siano conteggiati anche i redditi di eventuali altri familiari regolari che vivono già con lui.

Se vivi e lavori in Italia da dipendente o hai una ditta individuale noi possiamo aiutarti con la procedura di ricongiungimento e con i documenti per dimostrare il reddito, contattaci anche solo per chiedere informazioni.

fonti: meltingpot.orgitalianipiu.it

Post precedenti «